Ghérasim Luca “L’echo du corps” su “Il Porto di Toledo”

Alfredo Riponi e Rita R. Florit si confrontano corpo a corpo con un testo poetico di Ghérasim Luca, offrendo una versione felicemente sperimentale de L’eco del corpo, dove lingua italiana e lingua francese sono giustapposte a mostrare i labirinti fisiologici della parola:

pubblicato e scaricabile su: Il Porto di Toledo

Annunci
10 commenti
  1. Ma le parole da dove nascono? E dove prendono il loro senso?Hanno davvero un senso?

    Mi piace

  2. farouche ha detto:

    amour i blog sono morti nessuno ha più voglia di leggere ,di scrivere, il dialogo è inesistente…. tuttichiusi in monade…tutti in mona…. su fb 

    Mi piace

  3. Se fossero "in mona" – detto alla veneta – non starebbero poi tanto male….

    Mi piace

  4. No, Alfred, non hai fatto un passaggio così nobile – sempre scherzando alla veneta…g* (birichina)

    Mi piace

  5. o.t.approfitto di questo spazio (e chiedo scusa per l'invadenza) per comunicare con farouche.farouche, carissima, grazie!non so dove lasciarti indirizzo mail e recapito telefonico.Ho dovuto cambiare pc e ho perso tantissimi riferimenti.Mi puoi dire qualcosa con un pvt? Quando puoi…:)un abbraccio.zena

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: