Ghérasim Luca – La Fine del mondo (Poesie 1942-1991)

L’ho letto. L’ho letto ad alta voce. L’ho letto ad alta voce a varie persone e solo complimenti e stupore. Stupore per quel gioco, quel vortice di significanti che si mescolano, che si concatenano, che si chiamano e si intrecciano. È come la pagina scritta di Bene, più l’avvicini all’occhio e meno vedi. Ed è così. Succede con Il sogno in azione, è un labirinto di parole dove ogni parola ripetuta fa il muro e così indica una direzione ma incappi in altre mura alla tua destra e sinistra. Non puoi uscirci, la lettura mi diventa affannata quando manca il fiato, l’energia iniziale, l’energia che hai quando sai d’essere in trappola e cerchi di uscirne. Non si può, continui, sei stanco, sei nel fiume. Le mura non sono più solide ma iniziano a sciogliersi in fiume, un fiume di parole in cui sei immerso e vai, vai…
Lo stesso Grida vane, ci si perde in quel niente, nel nostro niente e là si finisce soddisfatti.
Assioma: l’uomo. Per me è come un manifesto di affermazione della vita. Della vita non-edipica, della vita in azione. È per me parte del nuovo militantismo auspicato da Deleuze e Guattari nell’anti-Edipo. Una lotta contro le radici «e» la genealogia «e» la gerarchia. E poi le allitterazioni, la violenza.
La fine del mondo, Maddalena, Ellisse, Quarto d’ora di cultura metafisica: Bene ci ricorda che non si può fare teatro col teatro, poesia con la poesia, vita con la vita. Ed è vero. Qui Ghérasim sfugge dalla poesia, dall’idea di poesia e dalle funzioni, dai meccanismi che io intendo classici della poesia. Sfugge dal lirismo. Si vede che è figlio delle avanguardie, ci si può trovare rivolta, rabbia, volontà di rottura ma io ci trovo ironia. Secondo me la sua “condizione” è diventata gioco della poesia, presa in giro della poesia, presa in giro anche del lettore.

 

Alessandro Carpitella – http://www.anobii.com/scander/books

*

Ghérasim Luca – La Fine del mondo (Poesie 1942-1991)

a cura di Alfredo Riponi
Traduzione di Alfredo Riponi, Rita R. Florit, Giacomo Cerrai

anteprima (file pdf, 145 kb):

PDF Trailer Gh+®rasim Luca

scheda editoriale:

http://www.edizionijoker.com/FinedelMondoGherasimLuca.html

su ibs:

 http://www.ibs.it/gherasimluca/fine-del-mondo-poesie.html

su deastore:

http://www.deastore.com/libro/la-fine-del-mondo-poesie-luca-gherasim

Advertisements
1 commento
  1. alfredo ha detto:

    Il commento di Alessandro rende appieno l’esperienza di lettura della poesia di Ghérasim Luca; questa vibrazione “solidificata” che è la parola pronunciata e che si ripercuote dentro di noi.
    Ma credo che mai Ghérasim Luca si sia preso gioco della poesia e del lettore. Poeta: “non è una professione, è una condizione”. La sua condizione era una condizione minoritaria… quella di chi vuole servirsi di una lingua senza orpelli… una parola che sia davvero solo un eco d’essere…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: