3 poesie di Ghérasim Luca su Nazione Indiana

http://www.nazioneindiana.com/2012/08/29/3-poesie-di-gherasim-luca/

pubblicato da Andrea Raos

***

LA POÉSIE SANS LANGUE

“…sono persuaso che se si pronuncia veramente una parola, si dice il mondo, si dice tutte le parole. Se si prova a fare allora corpo con la parola si fa corpo col mondo, si usa tutto il suo potere dirompente e la parola è davvero una vibrazione solidificata…” (Ghérasim Luca).

“giochiamo con le parole perché altrimenti saranno loro a prendersi gioco di noi” (D. Cooper)

Una parola sonora, come quella di Artaud, perché l’effetto dirompente è dato dalla recitazione. “E la mia etica fonetica / la getto come un sortilegio / sul linguaggio”. Ghérasim Luca si voleva “hors la loi”, nel non essere di nessuna lingua (no man’s langue). Come l’onda di marea di Hokusai, la parola poetica è un corpo in movimento. Dobbiamo ascoltare “la magnifica voce rivoluzionaria di Luca”. Il suo modo di appoggiarsi sulla sonorità della parola. Non una parola che sia pronunciata senza una ragione assoluta. Un pensiero in atto, soltanto attraverso la voce. Assoluto e assolutamente solo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: