artaud | eschilo

tome-14-suppots-et-supplications-volume-2

Artaud che annota la frase del sogno di un altro/a: «Elle va comprendre, zut, il y a les suppliantes d’Eschyle sur le lit», trascrivendo «suppliantes» con «suppliants». Non è finita, come racconta Paule Thévenin, la dattilografa trascrive «Eschyle» con «Echylle». Artaud se ne accorge e barra il nome trascritto male, solo per aggiungervi una “s” sibilante «Eschylle», ma conservando la doppia “l”. Perché in francese raddoppiando la “l” il suono muta… e “le” diventa “ye”. La frase sarà riportata in “Suppôts e Suppliciations” (Succubi e supplizi), e il suono diventa fondamentale, come rimarca bene Paule Thévenin (esse-chi-ye). La trascrizione è, da parte di Artaud, risonorizzazione; il significante prevale sul contenuto del sogno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: